mercoledì 16 luglio 2014

Costruire il Tamburo Sciamanico: appuntamento il 21 settembre

Nel seguire assiduamente e con serietà un Sentiero Spirituale si imparano e discernono via via molte cose.

Una di queste è l'importanza dei propri strumenti. A seconda dei casi e delle tradizioni essi possono ricoprire diversi livelli di importanza, il più alto dei quali, certamente, è quando viene loro riconosciuto il ruolo di Compagni di viaggio.


Gli strumenti che siano dei veri e propri Compagni di viaggio (come il Bastone, per esempio, o il Tamburo) non solo detengono un'Anima propria (come ogni cosa, secondo la tradizione Sciamanica e Animistica) ma ovviamente sono investiti di un'importanza unica, in quanto personalmente legata a noi, alle esperienze, al lavoro, al cammino fatto insieme.

Niente di strano, dunque, affermare che la miglior cosa che possiamo fare per trovare un tale compagno di viaggio sia fabbricarlo noi stessi ed andare ad incontrare lo Spirito che lo abiterà.

Nelle tradizioni sciamaniche di praticamente tutto il mondo, con rarissime eccezioni, lo strumento principe che lo sciamano usa per il viaggio sciamanico è il Tamburo e molte sono le tradizioni e le credenze che spiegano il legame profondo tra lo sciamano ed il suo Tamburo.
Nelle regioni della Siberia il Tamburo viene spesso indicato come "il cavallo dello sciamano" tale è il suo ruolo durante il viaggio, ed è uso che la fabbricazione del tamburo segua a breve termine la chiamata a diventare sciamano. 
Alla morte di uno sciamano nessuno eredita il suo Tamburo: le Anime dei due sono profondamente legate e dunque il Tamburo viene spezzato o tagliato, in modo che non possa più suonare.

(immagine di mia proprietà)


Pur non definendoci sciamani in quanto non appartenenti a culture tradizionali, anche nei panni di praticanti è certo un'ottima cosa avere l'opportunità di costruire il nostro Tamburo.
La costruzione di uno strumento non è mai cosa facile senza avere la guida di qualcuno esperto (parlo per esperienza) e dunque trovo sia un'ottima cosa avere sempre più spesso, anche in Italia, l'opportunità di partecipare a seminari che possano accompagnarci in questa esperienza, unica ed importantissima. 
Oltre alla costruzione in sé stessa, questi seminari prevedono anche il così detto "risveglio" del Tamburo, ovvero quella cerimonia che invita lo Spirito del Tamburo stesso ad entrare in esso.

Io stessa, pur praticando dal 2006 e divulgando da circa due anni, per mere questioni economiche ho dovuto a lungo aspettare (circa 3 anni) per poter partecipare ad un evento del genere.
Sono dunque molto contenta di poter dare un po' di voce ad un seminario organizzato per dare l'opportunità, a chi lo desideri, di costruire il proprio tamburo.

A guidare il seminario sarà Kristofer Twofeathers, nativo americano e Danzatore del Sole della tradizione Lakota. La sua esperienza accademica si muove nell'ambito dell'arte, ma è anche depositario del sapere di molti Uomini e Donne Medicina di varie tradizioni Native.

Il seminario condotto da Kristofer si terrà il 21 settembre nella cornice incontaminata delle Grotte di San Ponzo Semola, Ponte Nizza in provincia di Pavia.

(immagine dal web)


I posti sono limitati, dunque è necessario dare la propria adesione al più presto e comunque entro e non oltre il 15 agosto, questo anche per dar modo a Kristofer di preparare tutto il materiale necessario (che viene fatto arrivare dalle Riserve negli Stati Uniti).

Per informazioni ed iscrizioni rivolgersi agli organizzatori come da contatti che trovate nell'immagine qui allegata.

Trovate la pagina Facebook dell'evento a questo LINK

(immagine utilizzata con il permesso degli organizzatori)